Realtà Aumentata.

Potenzia la tua realtà.

La realtà aumentata è in grado di integrare ottimamente tutti gli strumenti principali della comunicazione: cartellonistica, internet, depliantistica, social media, pianificazione pubblicitaria (ad es. stampa periodica). Per quanto riguarda la realtà aumentata, semplificando i processi, ad un‘immagine o contenuto iconico si assegnano uno o più contenuti multimediali (foto, audio, video, web, telefono, mail, social network etc). L‘immagine potrà essere contenuta su un supporto cartaceo qualsiasi oppure su un cartello, un quadro, un espositore, addirittura un monumento oppure un paesaggio. L‘immagine "aumentata" viene visualizzata tramite la fotocamera di uno smartphone o di un tablet; il software presente sul dispositivo mobile, disponibile per Android e iOs, la elabora e restituisce sul display del dispositivo i contenuti ad esso abbinati, caricati su un server. Ormai la quasi totalità dei cellulari moderni utilizza queste tecnologie. Magicamente le immagini prendono vita con video e audio fornendo tutte le informazioni necessarie nella forma più suggestiva, efficace ed accattivante possibile per conoscere un territorio, un itinerario, un prodotto. Nel tempo, i video e gli audio possono essere sostituiti per attivare nuove e più dinamiche strategie di comunicazione, senza la necessità di ristampare la "carta", permettendo così un notevole risparmio di costi. Vi è inoltre la possibilità di assegnare ad un‘immagine contenuti di tipo "georeferenziato" che offrono al turista, al visitatore occasionale oppure al consumatore, ad esempio mediante un semplice depliant, la possibilità di telefonare ad un ristorante, albergo o agriturismo e, sfruttando le "google maps", di farsi guidare con precisione al luogo di destinazione. L‘utilizzo delle tecniche sopra esposte, di utilizzo sempre più diffuso in Europa, America e ormai anche in Italia, permette di rendere più efficace il messaggio da veicolare ed avere una strategia comunicativa e di marketing in sintonia con le nuove tecnologie. Ovviamente la realtà integrata può essere essa stessa oggetto di una campagna di comunicazione. Ciò consente al visitatore/turista/consumatore di costruire, già prima della partenza, l‘itinerario.